.
Annunci online

eugeniolevi

16 ottobre 2007
Episodio
Mi è capitato, qualche giorno fa (ricordo solo che giravo per Roma con uno zaino stracolmo di flyer), di assistere ad una di quelle scenette quotidiane che mettono inevitabilmente di buon umore. Che danno l'impressione di vivere in una città viva, in cui le strade non sono solo luoghi in cui si transita il più velocemente possibile per arrivare ad una destinazione (lavoro, casa, ristorante, libreria, pub, ecc.).

Il luogo è una di quelle bancarelle che su via arenula vendono libri usati di tutti i tipi. Il proprietario era seduto su una di queste sedie alte come un trespolo a leggere qualcosa, forse un giornale. Una signora di statura particolarmente ridotta, direi quasi tascabile, rovistava fra i libri d'arte.
La signora ad un certo punto chiede: "Mi può aiutare a prendere questi libri in fondo, ché non ci arrivo?" Erano dei libri su Tintoretto.
Il proprietario, alzando la testa: "Che ha detto, signò?".
"Se mi può aiutare a prendere questi libri in fondo, ché non ci arrivo!", urla la signora.
"Guardi pure, signò" dice il proprietario non accennando nemmeno a scendere dal trespolo e rimettendosi a leggere il giornale.
La signora, a quel punto visibilmente indispettita, dopo un "vabbè", se ne va piuttosto agitata, mentre il padrone della bancarella, a mezza bocca ma non tanto piano da non essere udito dalla signora, con freddo cinismo:
"Tanto era una di quelle che non comprava niente".


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. roma città bancarella

permalink | inviato da eugeniolevi il 16/10/2007 alle 21:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte